Il male è una spirale

Posted by EdTv | Brodo | mercoledì 22 Novembre 2006 18:07

Sto male.
E’ l’ennesimo pomeriggio.
Che passo di fronte al computer
simulando competenza.

Un banner della Clio Le Iene
mi manda in depressione.
Io vorrei la Skoda Affari Tuoi.
La Duna Wild West purtroppo è già fuori produzione.
Non possiedo una macchina.
Non voglio una macchina.
Non sono problemi miei.

Squilla il cellulare Tre.
E’ un MMS pubblicitario.
“Scarica anche tu la voce del Pappagallo Cocorito“.

La Tre mi ha regalato venti euro da spendere in servizi online.
Siccome mi annoio decido di scaricare:
– Den Harrow che piange in collegamento con la moglie
– l’inno del Mantova
– una canzone a caso di Leone di Lernia

Il Pappagallo Cocorito lo scarico ma lo tengo per il fine settimana.
Lo tengo per mia madre.
Una delle mie più grandi passioni
è cambiarle di nascosto la suoneria.
Lei ne usa una giovane.
Di Gianna Nannini.

L’ultima volta l’ho sostituita con un pezzo di Eminem, Cleaning Out My Closet.
Dove a un certo punto il testo recita:
witnessin’ yo mama
poppin’ perscription pills in da kitchen
Bitchin’
that someones always goin’
through her purse and shit
missin’

Il mio sogno è che mia madre perda qualche assicurato
per colpa della sua suoneria.
Per colpa mia.
Non ha ancora capito che sono io.
Una volta le è squillato “Che roba contessa
all’industria di Aldo han fatto uno sciopero
quei quattro ignoranti

E lo ha fatto squillare per parecchio
credendo non fosse il suo.
E le brillavano gli occhi.
E ha chiesto sorridendo alla coppia di sposi
a cui stava facendo una polizza:
“siete del partito?”
“No signora è il suo cellulare”

Ha dato la colpa a mio fratello.

Tanto mio fratello non parla.

Mio fratello ha appena portato a casa un tre.
Non il telefonino.
Un tre in matematica.
Non ha detto nulla in casa.
i miei l’hanno scoperto al ricevimento genitori.
Si sono arrabbiati.
“Perchè hai detto una bugia”.
Sbagliato.
Quando un figlio mente.
Non va punito.

Chiedetevi perchè l’avete messo nella condizione di mentire.
Invece preferite fondare il vostro malsano approccio pedagogico sul senso di colpa.

Uno, dalle mie parti, nasce mona.
E passa il resto della vita a tentare di dimostrare il contrario.
Se prendi tre, niente di stroardinario.
Hai solo confermato quello che già sapevamo: sei mona.
Se lo nascondi ci incazziamo.
Perchè ci offri un’altra realtà:

ovvero che non sei mona quanto noi pensiamo
quando in realtà sei ancora
più mona perchè ce lo nascondi
.

Basterebbe invertire il percorso.
E quandi nasci, sentirti dire semplicemente: “hey sei nato”
Invece di: “toh un altro mona”.

Maria Montessori mi fa una sega.

Il male è una spirale necessaria.

Perchè dopo una giornata di merda
con molti pensieri di merda
ti metti sotto le coperte e l’ultima cosa
che vedi prima di addormentarti è il volto
di Renzo Martinelli che dal pulpito di Matrix
ti dice che lui, lui è un perseguitato,
perchè lui è un REGISTA SCOMODO.
Da “regista di merda” a “regista scomodo”
nell’arco di un paio di film.

“Scomodo” sarà il mio aggettivo principe per tutta la prossima settimana.
Siete avvertiti.

Martinelli è davvero troppo.
E la sete di vendetta anche.
Prendo in mano il cellulare.
E’ mezzanotte.
Compongo il numero di casa mia.
“Pronto?”
Click.

La sobria locandina di Vajont di Renzo Martinelli accompagna l’ingresso funereo di questo post

Nessun commento »

  1. Comment di krossroads — 22 Novembre 2006 @ 18:36

    in questo post c’erano almeno 4 post.

  2. Comment di IgorTV — 23 Novembre 2006 @ 01:36

    Cristo santo, Enrico. Trasudi malessere da ogni riga. Avrò speranze di vederti girare garrulo per i corridoi del Cinecity a Trst entro sabato sera?

  3. Comment di il.poeta — 23 Novembre 2006 @ 11:46

    Se il male e’ una spirale necessaria allora dovremo tutti sorbirci la filmografia di Martinelli. Lo faremo.

  4. Comment di utente anonimo — 23 Novembre 2006 @ 14:56

    Bello questo post. Bello.

  5. Comment di Barbara23 — 23 Novembre 2006 @ 16:30

    Troppe, davvero troppe suggestioni in questo sontuoso, imperiale post. Uno non sa nemmeno cosa commentare.

    Ma se proprio devo dire una cosa, la dirò: il Pappagallo Cocorito.

  6. Comment di utente anonimo — 23 Novembre 2006 @ 21:51

    rimproverare per una “bugiuia” è utile come fare il dj dalla gigia!!!

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Leave a comment