Con la mazza in mano: Due in Uno

Posted by Enricoditvdiari | Brodo | lunedì 23 Ottobre 2006 19:12

Cronaca di Gara – 2
One Man show

27 innings di fila senza concedere punti in postseason.
E’ il record che detiene dal 1905 tale Christy Mathewson, preistoria del baseball.
L’unico ad avvicinarsi a tale striscia vincente nell’era moderna è stato, manco a dirlo, Pedro Martinez (17 scoreless innings con Boston nel 1999).

Kenny Rogers, con la prestazione monstre di ieri sera è a quota 23. E se ci sarà una gara 6 potrà superarlo.
Su questo straordinario mancino 42enne erano riposte le speranze dell’intero Comerica Park per gara 2.
Gara che Detroit, in altri tempi, avrebbe sicuramente perso.

Non quest’anno. L’attitudine vincente che il manager Jim Leyland ha infuso ai Tigers stagione 2006 ha fatto la differenza.
Inerzia delle world series tutta a favore di Saint Louis, dopo l’esordio vincente in trasferta di gara 1.
La partita è delicata, non si possono lasciar scappare i Cardinals che da domani disputeranno ben tre match tra le mura amiche del Bush Stadium.
Sul monte di lancio c’è bisogno di esperienza e sangue freddo, non di peccati di gioventù.

Vi sale senza scomporsi Kenny Rogers. E per otto inning il line up dei Cardinals letteralmente non la vede.
Rogers non ha un lanciafiamme come Zumaya al posto del braccio sinistro ma il suo campionario di lanci, tutti di altissima qualità, è vastissimo e non da agli avversari punti di riferimento.
0 punti subiti, appena 2 valide concesse, 5 stikeout. Media ERA 0,00.
Il resto lo fanno le valide di Carlos Guillen e Craig Monroe (anche un homerun per lui) per il 3-1 finale.

Ora toccherà a Chris Carpenter spegnere gli entusiasmi dei Tigers, in gara 3.

Cronaca di gara – 1
Ladies and Gentlemen: Albert Pujols

Il più forte slugger delle Majors non aveva mai convinto in postseason.
Punta di diamante dell’attacco dei Cardinals, era salito sul banco degli imputati dopo lo sweep subito da Boston in finale nel 2004 e l’eliminazione ad opera degli Houston Astros l’anno successivo nelle finali di conference in sette tiratissimi incontri.
Prestazioni sempre al di sotto delle aspettative nei momenti cruciali, la critica.

Ma ieri sera al Comerica Park di Detroit, gara 1 delle World Series, ha dimostrato perchè è l’MVP 2005.
Aiutato, va detto, da un peccato di presunzione del partente dei Tigers Justin Verlander.

Quando al terzo inning Saint Louis conduce 2-1 e ti ritrovi a lanciare con un uomo in seconda base e uno slugger come Albert Pujols in battuta c’è solo una cosa da fare: concedere la base intenzionale, soprattutto se il battitore successivo sai di poterlo eliminare.
Invece Verlander lancia una fastball.


Al Comerica Park sperano che la striscia di 16 inning e 1/3 senza concedere punti ad opera di Kenny Rogers, in 2 partenze di postseason, non si interrompa proprio stasera.

Canta l’inno nazionale americano: RZA

21 Comments »

  1. Comment di utente anonimo — 23 Ottobre 2006 @ 19:40

    Cliccate su il mio nick….da92

  2. Comment di krossroads — 23 Ottobre 2006 @ 19:43

    bib succede nulla clickando su da92..

  3. Comment di krossroads — 23 Ottobre 2006 @ 19:44

    bib sta per non…a non guardare cosa scrivo.

  4. Comment di utente anonimo — 23 Ottobre 2006 @ 21:11

    Non è vero…cliccare per credere! da92

  5. Comment di utente anonimo — 24 Ottobre 2006 @ 11:10

    ripeto, gara2: Rogers, primo inning. Non si è lavato bene le mani. E in questo sport è grave.

    nel dettaglio: http://i25.photobucket.com/albums/c70/knlevine/Pinetar2.jpg

    fabio

  6. Comment di utente anonimo — 24 Ottobre 2006 @ 13:08

    Sarà che sono una bionda ma ‘sta menata del baseball è una palla. Rivogliamo i baffi alla tedesca e i vestiti firmati.

  7. Comment di krossroads — 24 Ottobre 2006 @ 14:28

    il baseball va bene dal mio punto di vista, ti umanizza e ti toglie un velo di snobismo che non guasta.

    Poi sticazzi…fa quel cazzo che ti pare no? 😉

  8. Comment di utente anonimo — 24 Ottobre 2006 @ 14:46

    sticazzi come sei saggia…

    EdM

  9. Comment di krossroads — 24 Ottobre 2006 @ 14:49

    Ed, che linguaggio…non e’ da te…E’ piu’ da, che ne so, un Fabio qualsiasi…

  10. Comment di utente anonimo — 24 Ottobre 2006 @ 16:12

    Ehehe…quand’è che si ricomincia a discettare di reality? Cliccate sul mio nick…è importante! da92

  11. Comment di krossroads — 24 Ottobre 2006 @ 16:17

    cheffigo…il primo blog dove la scelta degli argomenti non spetta al proprietario.

  12. Comment di utente anonimo — 24 Ottobre 2006 @ 16:20

    cheffigo non è un linguaggio ggiovane, ricorda più beavis&butthead…

    se si può scegliere io voto assolutissimamentemente per il baseball mlb e i commenti dell’anonimo Favo, e fanculo le bionde!

    e che qualcuno risponda sul pine tar di Rogers cacchio! altrimenti: che cavolo di commenti al post pensate di poter fare?!?!

    Fabio EdM

  13. Comment di krossroads — 24 Ottobre 2006 @ 16:23

    io commento i commenti..mi diverte. Specie quando si dice fanculo alle bionde e io sono bionda…tipo…

  14. Comment di utente anonimo — 24 Ottobre 2006 @ 16:56

    Qualcuno discetta di Domiziana Giordano con me? Allora cliccate sul mio nick! da92

  15. Comment di utente anonimo — 26 Ottobre 2006 @ 08:05

    beh, dire bionda è esagerato, una bella morettina direi

    http://www.flickr.com/photos/[email protected]/175471507/in/photostream/

  16. Comment di utente anonimo — 26 Ottobre 2006 @ 09:47

    sei bionda e per lo più il tuo nick deriva dal film di Britney…e ti permetti anche di criticare la critiche??

  17. Comment di swamipel — 26 Ottobre 2006 @ 10:14

    canta l’inno RZA???

    ma il rapper es wu-tang clan??

    acappella con quella voce rochissima?? 🙂

    Sw

  18. Comment di krossroads — 26 Ottobre 2006 @ 15:23

    ci si permette tutto,qua

  19. Comment di krossroads — 26 Ottobre 2006 @ 15:24

    utente 15,non sono io.

  20. Comment di utente anonimo — 26 Ottobre 2006 @ 15:32

    peccato… :’-(

    EdM

  21. Comment di krossroads — 26 Ottobre 2006 @ 15:34

    se vuoi te la presento,tesoro

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Leave a comment