Omen Nomen

Posted by Enricoditvdiari | Brodo | mercoledì 13 Settembre 2006 17:52

Che Trieste si stia risvegliando nell’ennesimo capolinea
di un’estate decadente?
No.
Non basta un articolo su Glamour (numero di settembre, decadere per credere)
per farla rialzare.

Soprattutto quando all’interno dell’articolo leggi perle del genere:
"Mi piace Piazza Hortis, sembra di stare a Vienna".

Con la differenza che a Vienna non rischi di sfracellare
il tuo polacchino di vernice nera Paul Smith
in una merda di cane cacata dalla bestia di uno studente
di lettere che gioca nel parco lì vicino e che fa finta di niente.

Trieste per risollevare un’estate indecente
si inventa un festival dei popoli in Piazza San Antonio.

I festeggiamenti in Piazza San Antonio
sono stati fonte costante di ribrezzo sociale.

Ho avuto solo il torto di seguire le orme del mio coinquilino,
direttore di una radio locale, Radio Supponente.
Una radio che quando la ascolti
ti vien voglia di dire "scusa, non son degno".

Sono allo Stand libanese.
Il tessuto dei miei pantaloni Incotex
fa attrito con il prefabbricato in plastica e nylon.
Perfettamente intatto e integro.
Nessun segno di bombardamento.

"Senti ti va dell’hummus?"
"Cosa?"
"Hummus!!"
"E che cazzo è?"
"E’ una salsa fatta coi i ceci per accompagnare i Felafel"
"Scusa ma i felafel non sono fatti coi ceci?"
"Sì"
"Tipo che mangio un pomodoro con il Ketchup?"
"Più o meno"

Assaggio l’hummus.
Hummus.
Tutto il venerdì sera si concentra attorno a questa nuova parola chiave.
Spero esista un tag apposito su Technorati.
L’Hummus fa cagare.
Leggermente meno dei Felafel ma fa schifo lo stesso.

E poi inizia e finisce per consonante.
Io ho una mia classifica personale di odii in base ai nomi.
Adoro i nomi che iniziano e finiscono per vocale.
Enrico.
Se avrò una figlia la chiamerò Ottavia.

Accetto i nomi che iniziano per consonante e finiscono per vocale.
Giovanni.

Se inizi per vocale e finisci per consonante…mhhh…ti tollero a stento.

Ma se inizi per consonante e finisci per consonante
ti odio di default.
Mio padre si chiama Loris.

Deambula con brio: Giungla di Città di Adriano Celentano

22 Comments »

  1. Comment di krossroads — 13 Settembre 2006 @ 17:44

    senti ma non ti sarai limitato troppo nell’elencare le GRIFF?

  2. Comment di IgorTV — 13 Settembre 2006 @ 18:54

    Maledetto….mi tolleri a stento…

  3. Comment di utente anonimo — 13 Settembre 2006 @ 19:53

    Saooooooo da92

  4. Comment di utente anonimo — 13 Settembre 2006 @ 22:18

    Come fai con HermèS, VaN NoteN, ToM ForD e MarC JacobS?

    R.

  5. Comment di utente anonimo — 13 Settembre 2006 @ 22:48

    Schivato il pericolo per un pelo!!! 😉

    Tornata dalla Grande Mela e completamente ko dal fuso orario; ma un giro sul tuo blog è d’obbligo! Curiosità nostalgica?

    Un bacio,

    MumE

  6. Comment di utente anonimo — 14 Settembre 2006 @ 08:16

    Visti i post precedenti e col mio istinto da ex-psicanalizzata ti chiederei come si chiama tua madre… Secondo me ha un nome complesso tipo Anna Cristel…. Di quelle cose da smaltire in anni e anni di specialisti…

  7. Comment di paoladh — 14 Settembre 2006 @ 09:25

    Sarà perchè sei coinquilino del direttore di Radio Supponente, sarà perchè con la Trieste bolognesizzata ci sei piaciuto, ma quasi quasi ti linko.

  8. Comment di krossroads — 14 Settembre 2006 @ 14:33

    Raf: 😉 …io sono accettata e sta cosa mi turba.

  9. Comment di utente anonimo — 14 Settembre 2006 @ 14:38

    Tu che cominci e finisci con due vocali poi!!!!

    R.

  10. Comment di krossroads — 14 Settembre 2006 @ 14:47

    R.? ah, sei stato avvertito che ho cambiato il mio nome in IstinA?

  11. Comment di utente anonimo — 14 Settembre 2006 @ 16:40

    volevo dire consonanti scusa KRoSS

  12. Comment di utente anonimo — 15 Settembre 2006 @ 16:10

    non so se mi urta di più che tu non conoscessi l’hummus e i falafel o che li abbia liquidati come fossero banali carboidrati! Se mi liquidi secondo lo stesso principio anche burrata, stracciatella pugliese e gelato con la panna, ti tolgo il saluto.

    Non posso però non sentirmi solidale sui Valter, Boris, Cloris, Denis, Carmen, Miriam, Raul,… Mi provocano un po’ di irrazionale irritazione nella convinzione che siano stati allevati da genitori con manie esterofile e ambizioni di originalità. Ma non so che pensare dei genitori di una povera Ermelinda o di quelli di Eriberto, di Adelmo e Adalgisa, di Olindo e Olga, di Iride e Igino…

    Enrico, potente in patria.. Nomen Omen?

    Mamma stanca

    P.S. ho citato questo blog nella presentazione per un cliente con tanto di screenshot dei commenti ad un post

  13. Comment di Enricoditvdiari — 15 Settembre 2006 @ 17:19

    “P.S. ho citato questo blog nella presentazione per un cliente con tanto di screenshot dei commenti ad un post”

    Hai proposto un modello di business autolesionista?

  14. Comment di utente anonimo — 16 Settembre 2006 @ 00:27

    mmm..da dove comincio??

    Dalla tua perplessità (accennatami telefonicamente) riguardante il tuo nuovo acquisto calzaturiero ovvero il polacchino nero??

    Beh ti tolgo ogni dubbio: è Paul Smith quindi è figo. Punto

    Naturalmente l’ accenno ad Incotex resta sempre un cavallo di battaglia lussurioso quindi capibile a pochi..fiuuu

    Ma posso lo stesso odiare tantissimo giovannifloris mettendo in questo modo il nome?

    Beh se così non fosse mi prendo la libertà di considerarla come licenza poetica e fanculo tutti..

    Lussuriosamente

    LoZioCit

    e ricordate che:

    Quando Chuck Norris bestemmia, Dio compie delle metamorfosi per non contraddirlo.

  15. Comment di krossroads — 16 Settembre 2006 @ 07:26

    il polacchino spacca.

  16. Comment di utente anonimo — 16 Settembre 2006 @ 12:22

    Il polacchino Paul Smith è quintessenzialmente British.

    R.

  17. Comment di osservoleggo — 16 Settembre 2006 @ 13:25

    i polacchini non andavano di moda qualche anno fa? si usano ancora?

  18. Comment di utente anonimo — 17 Settembre 2006 @ 21:07

    Comunque io mi chiamo DanieL…enrico ti prego dimmi che non mi odi…da92

  19. Comment di utente anonimo — 18 Settembre 2006 @ 00:46

    ma sai che sei davvero profondo vorrei conoscerti ! ti prego incontriamoci da qualche parte, ti prego! dai….abbiamo così tante cose in comune…

    MXFXHXC

  20. Comment di utente anonimo — 18 Settembre 2006 @ 13:54

    Ho citato questo blog per dimostrare che inserire un blog in un sito aziendale (non solo, ma questo genio pensa bene che web2.0 voglia dire mettere qualsiasi cazzata anche nei siti aziendali) porta al proliferare del cazzeggio, anche da parte di persone dotate di neuroni. Figuriamoci da parte dei miei clienti…

    Mi spiace deludervi, ma in Inghilterra i polacchini li ho visti amati solo dai gay e dagli immigrati italiani mileuristi convertiti in duemilasterlinisti e che quindi si potevano comprare scarpe fatte nelle Marche e poi rivendute dalle marche.

    Mamma intollerante

  21. Comment di utente anonimo — 18 Settembre 2006 @ 14:36

    enrico maria è ok,

    alice (mia moglie) anche…

    ma i miei figli?!?!?!

    tadej e jan????

  22. Comment di Enricoditvdiari — 18 Settembre 2006 @ 15:48

    a) enrico non ti preoccupare, mi occupo solo di nomi della tradizione italiana. Quindi i tuoi figli sono ammessi 🙂

    b) non sono affatto profondo. sono terribilmente superficiale, credo si capisca

    c) ho sonno, dannatamente sonno

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Leave a comment