Maledetta quella volta

Posted by admin | Questionario | giovedì 9 aprile 2009 10:46

Sono alle prese con una nuova ricerca.
En passant vi lascio il link, compilate il questionario, fatemi un favore.
Link al questionario

Due giorni fa preparo una mail.
Voglio avvisare tutti i miei contatti che ho messo online il questionario.
Sono 340.
Cazzo, 340.

Faccio il simpatico, inizio scrivendo quello che scrivo di solito.
Che è una formula che mi piace:

“Se ricevi questa mail significa che in qualche modo ci conosciamo”.
Niente di più, niente di meno che dire ai tuoi contatti,
“hey per favore rispondi a un questionario se hai voglia e tempo”.

Parentesi.
Io subisco molto i lutti. Sono una persona tradizionalista, conservatrice, radicata e schiava delle proprie abitudini.
Se mi muore qualcuno attorno, la prendo male.
L’unico lutto per il quale ho sorriso, è la morte di questo blog.
Di come l’ho straziato e fatto appassire. Godo.
Chiusa parentesi.

Bene, mando 340 mail.
Posto il link su facebook.
Aggiorno gli status di skype e gtalk segnalando il questionario.

Le persone mi rispondono.
Mi rispondono in molti, circa una quarantina.

– uno su facebook mi scrive in privato dicendomi che lo devo pagare per tutto il tempo che ha perso a compilarlo.
Me l’ha scritto 5 minuti dopo aver comprato “spranga” in “guerra tra bande”.

– c’è chi mi scrive che le domande sulla politica/federalismo/stampa/televisione/dati anagrafici/reddito/consumi/turismo/blog/forum/newsletter/chat/facebook/troia/escort/Lavenerebianca/tecnologia/tempotrascorsosuinternet/mauriziaparadiso erano formulate male

– c’è chi mi scrive che sono uno stronzo. Che non mi faccio sentire da secoli se non per queste mail comunitarie.
La gente sta male. La gente ha la sindrome del “farsi sentire”.

– c’è chi mi scrive che il link non funziona, che non riesce a compilare il questionario, che gli si blocca a metà, che non apre la pagina

– c’è chi mi scrive che non avendo un account sui social network e avendo risposto NO alla domanda “hai un account sui social network?” si lamenta che il sistema l’ha sbattuto fuori. Strano.

– c’è chi mi scrive che è un questionario leghista perché ci sono domande sul Federalismo

40 risposte. Su 40, 39 si lamentano. 39 mi fanno notare che c’è qualcosa che non va.
Sono 15 anni che sono in rete.
E le conosco perfettamente le logiche.
Ma di solito era abituato a una proporzione di 1-10.
Su 10 persone, 9 mi spaccano il cazzo in modo totalmente gratuito. Una invece apprezza l’iniziativa.
La proporzione 1 a 40 per me è totalmente inedita.
Ah quell’unica mail recita così “Hey ciao, come stai? Che piacere risentirti! Sai che a settembre mi sposo?”

Ecco.
La verità è che la gente sta male.

A un certo punto in una domanda dedicata ai laureati, chiedo l’appartenenza alla disciplina.
Seguo dei parametri ISTAT. E lo scrivo: >>>>>> “PARAMETRI ISTAT”.
Nel senso che DEVO usare quei parametri.

Mi scrivono una mail: “Secondo me la domanda sul tipo di laurea è sbagliata. I parametri sono sbagliati“.
Amici, io non ho tutto sto gran periodo.
Ma se dipendesse da me io farei un questionario con un’unica domanda:

questionario